post-thumb

Se si potesse rappresentare il corso della vita su un grafico, come lo rappresenteresti?

Molte persone dicono di sapere che la vita, la realtà non è affatto lineare, uniforme. Se pensi alla tua storia personale, potrai riconoscere che ci sono stati molti alti e bassi, momenti in cui le cose sembravano procedere scorrevolmente e battute d’arresto, se non addirittura capitomboli.

Eppure quante, quante e quante volte devo combattere con la credenza-presupposizione che le cose dovrebbere procedere secondo una sequenza progressiva e lineare di eventi.

Marco ha appena perso il lavoro. Oltre al problema oggettivo di trovare al più presto un fonte di reddito alternativa, si aggiungono una serie di pensieri molesti che lo assillano: “Dovevo darmi una mossa prima, avrei dovuto capire che le cose si mettevano male, perchè è capitato proprio a me, non è giusto, non me lo merito, mi ero fatto tanti progetti…”.

Sono tutti ragionamenti di cui non voglio discutere la bontà, la validità. Mi interessa però farti sapere che nel momento in cui Marco è riuscito a far sua l’idea che la vita non è un processo evolutivo che rispecchia una tendenza lineare ascendente, è riuscito a perdonarsi di più, ad abbandonare alcuni pensieri disturbanti e ridondanti (ruminazioni), a concentrarsi più efficacemente sul suo presente e sui suoi progetti futuri.

Le cose capitano, alcune dipendono da noi, altre no. Dove sei oggi è un passo più avanti di ieri, credici: hai più consapevolezza, ti conosci meglio, hai una visione più disincantata sulla vita e hai acquisito e affinato un numero maggiore di capacità.

In economia e in finanza, quando si fa il bilancio di un fenomeno di medio-lungo periodo vale la regola di guardare alla tendenza media anzichè il valore immediato. La linea che descrive l’andamento della tua “economia” personale, intesa come l’insieme degli episodi, dei risultati, dei vissuti della tua vita – che non può dunque considerare soltanto l’aspetto finanziario – è molto probabilmente un sali-scendi. Se guardi alla tua crescita personale, potrai tuttavia facilmente constatare che oggi sei più avanti di ieri!

Ecco alcune domande per te:
  1. Ho la tendenza a presupporre che le cose della vita dovrebbero seguire un andamento alla “moto rettilineo uniforme”?
  2. Come mi sento quando le cose non procedono in crescita lineare secondo le mie aspettative?
  3. Come mi sento, cosa penso di fronte all’affermazione che “oggi sono più avanti di eri”? In quale senso potrebbe essere vera per me questa affermazione?
  4. In questo momento mi sento in una curva “su” o in una curva “giù? Perchè? Cosa sto considerando/misurando osservando?
  5. Quali sono le cose importanti per il mio benessere che dovrei considerare/ misurare/ osservare?
  6. Cosa posso fare per preservare o migliorare l’attuale situazione?

 

 

Buon lavoro,

Coach Stefano

 

Share your thoughts

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *