Amo ripetere che quello del genitore è uno dei lavori più difficili.

In qualche momento è molto duro… ma non è mai retribuito, preciso con ironia!

Quando un figlio entra nell’adolescenza, le cose possono diventare veramente complicate.

“Ma perchè mio figlio non può starsene tranquillo e non la smette di opporsi a tutto quello che diciamo?!”

Cari genitori, mi spiace dirvelo, ma può essere davvero un buon segno il fatto che un adolescente diventi particolarmente oppositivo e metta in discussione tutto quello che dite e fate (eccetto ciò che soddisfa i suoi bisogni, ovviamente).

In linea di principio è un buon segnale perchè ci informa del fatto che il giovane sta entrando nella fase della ricerca della propria identità, in contrapposizione o in alternativa a quella proposta dal modello genitoriale.

Tuttavia, questo non vuol dire che abbia il diritto di fare tutto ciò che gli passa per la testa e di trattare i “vecchi” a seconda del proprio umore.

Oggi voglio stimolarvi a riflettere su alcuni aspetti che rendono problematica o addirittura disfunzionale la comunicazione Genitore-figlio .

In “Gentori & Figli – Agitare Bene prima dell’uso”  la scena del colloquio padre-figlio in camera, è un compendio di comunicazione mancata.genitori e figli istruzioni

Perchè, nei fatti:

  • si ricorre all’offesa verbale, all’insulto;
  • si alzano le mani (o più precisamente i piedi, come rabbuffo);
  • si giudica;
  • non vi è ascolto autentico, nè dei contenuti, nè degli stati d’animo;
  • si vuole affermare una verità “presunta”  (non il proprio punto di vista o un bisogno).

In queste condizioni, non è facile mettere in comune, cioè comunicare.

Oggi ti ho parlo degli atteggiamenti che ostacolano la comunicazione in famiglia. Conoscerli, è la base per iniziare a evitarli e per stare meglio.

La mia domanda per te è:

Quali sono gli atteggiamenti di ostacolo alla comunicazione e al benessere in casa tua?

 

Share your thoughts

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *